Come pesca la seppia dalla barca ad eging dove, quando, attrezzatura, esche naturali ed artificiali e azioni di pesca.

Come pesca la seppia dalla barca, molluschi appartengono alla famiglia dei cefalopodi che vivono in acque temperate.  In mediterraneo, la pesca professionale alle seppie avviene con le reti e le nasse. Invece, nella pesca da riva o dalla barca la tecnica per catturarle è l’eging. Uno dei metodi per la cattura di questo mollusco consiste nel calare l’esca da una imbarcazione e nel trainarla lentamente sul filo della corrente.

Dove pescare la seppia dalla barca.

Gli hot spot per praticare questa tecnica di pesca con successo sono in prossimità di frangiflutti, foci di fiume e appena all’esterno dei porti. I fondali che regalano maggiori catture sono fondali misti di roccia e sabbia.

Quando pescare la seppia dalla barca.

La stagione di pesca di questi molluschi va dalla fine dell’estate agli inizi della primavera. Come risaputo da molti la sua massima attività la si ha nei mesi invernali. Gli orari più attivi sono quelli notturni, quando le seppie sono solite cacciare. Utilizzando esche naturali e artificiali nelle ore notturne è importante che siano dotate di fonti luminose. Possono essere utilizzate per pescare le seppie esche fosforescenti, starlight e led muniti di piccole batterie. Durante le giornate con cielo coperto da nubi è possibile avere diverse catture anche nelle ore diurne.

L attrezzatura per la pesca delle seppie dalla barca.

Dalla barca non è importante quanto dalla riva avere una canna dedicata ai cefalopodi, l’importante è utilizzare una canna morbida per evitare di strappare i tentacoli della seppia, con azione da 70-100 gr. Mentre per il mulinello la scelta cadrà a una misura proporzionata alla canna con in bobina un 0,30-0,35. Si può utilizzare anche la classica lenza a mano costituita da circa 100 metri di 0,50-0,70 al quale si lega il finale.  Sicuramente si avrà la necessita di una cassetta con all’interno tutti gli accessori come: Piombi di diverso peso, girelle e minuteria varia altre agli artificiali. Un guadino a maglia stretta ci è in aiuto poi nel momento più delicato per il salpare le seppie.

Come pesca la seppia dalla barca con esche naturali ed artificiali.

Come pesca la seppia dalla barcaEsche naturali per seppie.

Pesci di piccola taglia morti come sardine, boghe sugarelli e altri pesci possono essere utilizzati con successo. Si possono utilizzare le apposite gabbiette metalliche munite della corona o la sola asta d’acciaio munito anch’essa della corona per innescare i piccoli pesci.

Esche artificiali per seppie.

Dal Giappone negli ultimi tempi si è diffusa l’utilizzo apposite esche artificiali per la pesca delle seppie. Principalmente queste esche artificiali imitano molto il gambero, muniti alla coda da una o due corone di aghi. Questi artificiali sono piombati vicino il muso per fare dei saltelli sul fondo e alzare delle nuvole di sabbia che incuriosiscono e segnalano la presenza di una probabile preda alle seppie.

Colorazioni delle esche artificiali egi gamberoni per la pesca delle seppie dalla barca.

Molti produttori si sbizzarriscono mettendo sul mercato diverse colorazioni non per una questione commerciale ma per fornire il giusto gamberone in base alle are del giorno e alle condizioni meteo. Anche se non è una scienza esatta grossolanamente possiamo schematizzare i colori degli artificiali in relazione alle ore del giorno e le condizioni meteo.

  • Colore artificiale per le seppie con cielo sereno di pomeriggio e tramonto arancione-rosa.
  • Il verde come colore dell’artificiale è indicato per pescare le seppie all’alba e ore del mattino con cielo sereno.
  • L’azzurro come colore dell’artificiale è indicato per pescare le seppie con cielo nuvoloso all’alba tramonto e notte.
  • Il rosso vivo è il colore degli artificiali da utilizzare per pescare le seppie dal tramonto fino all’alba compresa la notte con cielo nuvoloso.
  • In tutte le condizioni meteo e durante le ore diurne il bianco e nero sono i colori da scegliere per gli artificiali se si vogliono pescare le seppie dalla barca.
Cambiare spesso modello e colore di artificiale comunque è la scelta vincente fino a non individuare l’inganno che regala maggiori catture.

Azioni di pesca per le seppie dalla barca.

Una volta individuata la zona di pesca si cala la lenza con l’esca scelta e ci si lascia scarrocciare dalla corrente; se si va troppo velocemente è consigliabile rallentare l’imbarcazione con un’ancora galleggiante. In base alla corrente va scelta anche la piombatura più adatta che deve permettere all’esca di lavorare vicinissima al fondo. A questo punto, muoviamo ripetutamente la canna, in modo da imprimere all’esca un’invitante su e giù, in modo da attirare le nostre prede.