Come pescare il pesce gatto

Come pescare il pesce gatto consigli e strategie.


Sicuramente a molti interessa come pescare il pesce gatto a scopo sportivo visto che in cucina è poco apprezzato in Italia. Il pesce gatto in Italia è stato introdotto dove ormai è molto presente sopratutto nel Nord Italia e al centro mentre è più raro al sud. Proprio per questo non è annoverato della tradizione culinaria Italiana e per questo non apprezzato.

Le caratteristiche principali del pesce gatto.

Il pesce gatto è facilmente riconoscibile dai baffi infatti è così chiamato proprio per questa sua singolare caratteristica. Lungo fino a 40 cm, pesa anche oltre 4 kg anche se normalmente si attesta sul chilo e mezzo. Un’altra singolare caratteristica del pesce gatto è sicuramente che può vivere in acque con poco ossigeno. Il pesce gatto è amante dei fondali fangosi e ricchi di  vegetazione. Bisogna fare attenzione una volta pescato un pesce gatto, sulle pinne pettorali e su quella dorsale sono presenti dei aculei. Gli aculei dei pesci gatto sono una e vera propria arma, che infligge punture molto dolorose. Ecco perché è meglio fare molta attenzione una volta tirato a secco un pesce gatto.


L’attrezzatura per pescare il pesce gatto.

L’attrezzatura necessaria per pescare il pesce gatto può essere poco “raffinata”. Se non per la sportività, non si ha la necessità di utilizzare fili sottili. Sicuramente la scelta dell’attrezzatura dovrà ricadere in base alla tecnica di pesca scelta.

Pesce gatto a feeder.

Sicuramente una delle tecniche migliori per pescare il pesce gatto è proprio il feeder. Il pesce gatto ama fondali fangosi dove la visibilità è ridotta per questo insidiarlo puntando sull’odore dell’esca è la scelta migliore. Un classico terminale con un pasturatore scorrevole senza troppi fronzoli è la tecnica migliore. Come esca e per pasturare sono ideali pasture fatte in casa per incuriosire i pesci gatto spesso abituati a quelle commerciali. Non esiste un periodo migliore per pescare a feeder i pesci gatto che con questa tecnica abboccano tutto l’anno.

Pesce gatto a bolognese.

Una tecnica molto divertente è sportiva per pescare i pesci gatto è sicuramente la pesca a bolognese. Come esche per pescare i pesci gatto a bolognese si possono utilizzare un sacco di esche dai bigattini per gli esemplari più giovani a tranci di altri pesci. Sicuramente un’esca fatta in casa può fare la differenza sopratutto dove la pressione di pesca ai pesci gatto è notevole. come per la pesca a feeder anche a bolognese i pesci gatto abboccano durante tutto l’anno senza differenza in particolari periodi.


Paf il pesce gatto a fondo.

Il paf o pesca a fondo al pesce gatto è la più rudimentale tecnica per pescare questo pesce. Un terminale con piombo scorrevole del 4-8 è il gioco è fatto. Come esche si può utilizzare dal lombrico al pezzo di wurstel. Il periodo migliore per pescare il pesce gatto a fondo a paf, come per le altre tecniche non c’è un periodo in cui aumenta la sua attività.

Pesce gatto a spinning.

Sicuramente lo spinning per pescare il pesce serra è una delle tecniche meno redditizia. Il miglior artificiale per pescare il pesce serra sono piccoli minnow. A differenza delle altre tecniche il periodo migliore per pescare i pesci gatto a spinning è l’estate.

Gli orari migliori per insidiare i pesci gatto.

Sicuramente i pesci gatto sono animali mattinieri, infatti alle prime ore dell’alba si danno un gran daffare. In alternativa alla mattina presto anche di notte arriva qualche risultato. Anche le condizioni meteo incidono con la possibilità di poter pescare il pesce gatto, cielo nuvoloso o pioggia sono condizioni favorevoli anche in pieno giorno.