Dischi frizione in carbontex

Dischi frizione in carbontex

Da qualche anno sembra che i dischi frizione in carbontex sono diventati una moda. Molti mulinelli commercializzati negli ultimi tempi vantano proprio tra le caratteristiche i dischi frizione in

carbonio. Fino a poco tempo fa quando si parlava di carbonio associato alla pesca si pensava subito al vantaggio della leggerezza di questo materiare.

I vantaggi dei dischi in carbontex Vs i dischi frizione in feltro.

Come accennato in precedenza non sempre parlando di carbonio associato alla pesca si ha vantaggi in termine di peso. Infatti sostituire i dischi frizione in feltro con dischi in carbontex non si ha un vantaggio in termine di peso ma di fluidità. Possiamo associare i dischi frizione di un mulinello ai dischi dei freni, infatti entrambi devono dissipare in calore la forza frenante. Come per i freni delle auto sportive il carbonio è un ottimo materiale anche per i dischi frizione dei mulinelli che devono frenare la fuga dei pesci. L’utilizzo del carbonio per i dischi frizione conta diversi vantaggi:

  • Uno spunto eccezionale che facilita la pesca con fili sottili.
  • Una maggiore fluidità che favorisce il combattimento anche di grossi pesci.
  • Un comportamento costante indifferentemente alla temperatura.
  • Una maggior potenza frenante che aumenta il max drag del mulinello.
  • Eccezionale regolazione della frizione.

Come realizzare i dischi frizione in carbonio per i mulinelli.

Sul mercato esistono kit frizione in carbonio per buona parte dei mulinelli prodotti e di solito si trovano a un prezzo di 10-15 €. Sicuramente un prezzo del genere non è eccessivo ma se si vogliono sostituire a 4-5 mulinelli la spesa inizia a diventare interessante sopratutto se si pensa che al costo di un solo kit possiamo realizzare dischetti per tutti i nostri mulinelli. Possiamo acquistare un foglio di carbontex dello spessore dei dischi originali in feltro misurandolo con calibro. Una volta entrati in possesso del foglio è facile realizzare i dischetti con utilizzando una fresa rotante regolabile che si utilizza come un comune compasso. Una volta realizzate le rotelline non ci resta che forarle al centro con l’utilizzo di un trapano. Con questo metodo possiamo realizzare decine di dischi del diametro e spessore necessario per sostituire i dischi frizione per diversi mulinelli a un costo veramente basso.