Innescare correttamente il salterello

Innescare correttamente il salterello con o senza ago per farlo rimanere vivo e lanciarlo a lunga distanza.


Innescare correttamente il salterello spesso lo si fa in modo errato con l’utilizzo dell’ago, l’uso dell’ago uccide il verme limitando il potere attrattivo dello stesso. Il potere attrattivo delle   esche si divide per i diversi sensi, principalmente odore e vista. Il saltarello basano il suo potere attrattivo sulla vista e le vibrazioni che emana. Innescandoli in modo che rimane vitale il più possibile rendiamo l’esca molto più redditizia.

Innesco del saltarello sbagliato.

Spesso per innescare il saltarello si fa passare l’ago lungo tutto il verme per poi riversarlo sull’amo. Quest’innesco anche se resistente ai lanci forzarti e permette all’esca di raggiungere notevoli distanze perde molto potere attrattivo. Uccidendo il verme durante l ‘innesco una volta che il verme raggiunge il fondo non si muove ed è poco atrattivo.


innescare correttamente il salterello per sopportare i lanci.

 Per innescare il saltarello in modo coretto, in modo che il verme rimane vivo per più tempo possibile e resiste bene a lanci non troppo forzati, per realizzare l’innesco del coreano cosi come quello del salterello si cuce il verme trapassando perpendicolarmente il verme  con l’amo con dei punti a circa 1-1.5 cm uno dall’altro. Si sia se si innesca intero o a più pezzi partendo dalla parte della coda verso la testa, per due motivi il primo e che i pesci attaccano l’esca dalla parte più grossa il secondo perchè cosi la parte più pesante del verme è bloccata dall’amo e difficilmente la coda  scivola lungo il filo.

innescare correttamente il salterello per la pesca a galla.

Per innescare il saltarello alla ricerca di spigole, leccie stelle, aguglie, occhiate, boghe e sugarelli e per tutti gli altri pesci che mangiano a galla o mezz’acqua, si usa innescare il coreano o il saltarello appuntandolo sull’amo dalla testa. Innescato dalla testa il verme è completamente libero di muoversi distaccato dal fondo, in modo da assomigliare una piccola anguilla che nuota.

innescare correttamente il salterello per la pesca a fondo.

Per innescare il saltarello alla ricerca di mormore, tracine, pagelli, triglie, cefali, orate e saraghi e per tutti gli altri grufolatori, si innesca il verme dal centro. Innescato il verme appuntandolo sull’amo dal centro è completamente libero di muoversi sul fondo senza rischiare che muore subito.