Mennola

Mennola in sintesi descrizione, habitat, alimentazione, pesca ed esche.

La mennola (Spicara maena) è un pesce di mare della famiglia Centracanthidae.

Descrizione in sintesi della mennola.

testa della mennola
testa della mennola

I giovani sono snelli ed i maschi adulti sono più alti ed hanno un accenno di gibbosità. Il corpo è coperto di scaglie ctenoidi, distribuite lungo 5 o 6 serie al di sopra della linea laterale; su quest’ultima si contano da 70 a 75 scaglie tubulate. Il diametro dell’occhio è inferiore allo spazio interorbitario.
La bocca è piccola, obliqua, protrattile, con mascelle uguali e labbro superiore abbastanza spesso, i denti disposti sulle mascelle e sul vomere sono piccoli, puntuti o a scardasso. L’opercolo è ampio ed il suo angolo posteriore termina con una punta smussata.

La pinna dorsale, unica, è alta uniformemente per tutta la sua lunghezza. L’anale ha il suo primo raggio all’altezza del primo molle della dorsale ed il suo ultimo un poco più indietro dell’ultimo della dorsale. La caudale è forcuta; le pettorali appuntite e le ventrali brevi e munite di scaglie ascellari.

La colorazione della mennola.

La colorazione cambia a seconda dell’età, del sesso e della stagione.
Costante è la macchia quadrangolare nerastra sui fianchi, più estesa verticalmente negli adulti. Il colore del corpo è grigio metallico, più scuro sul dorso e sfumato verso l’argenteo sui fìanchi e nel ventre, con macchie irregolari più scure. Muso brunastro, opercolo con linee azzurre. Pinna dorsale bruno chiara con macchie irregolari azzurrastre, caudale grigio-bruno, pettorali, ventrali e anale giallastro. Nel maschio la livrea nuziale, i colori divengono molto più brillanti e luminosi, i pezzi opercolari sono striati di azzurro e giallo ed una grande fascia azzurra si allunga dal muso al bordo posteriore dell’orbita. Arriva fino alla taglia di 24 cm. e le femmine a quella di 21.

Brevemente distribuzione e habitat della mennola.

Comune lungo tutte le coste italiane


Alimentazione in breve della mennola.

Si ciba prevalentemente di zooplancton e piccoli invertebrati.

I metodi di pesca e come pescare in mare la mennola.

Viene catturata in abbondanza con rete da posta e nasse dai pescatori sportivi altrettanto facile e la cattura con le lenze dei pescatori sportivi.

Brevemente l’esca migliore la mennola.

Sicuramente innescando piccoli pezzetti di gambero o anellidi come coreani e arenicola.

Dove pescare in sintesi la mennola.

Si trova principalmente su praterie di Posidonia oceanica ma anche su fondi sabbiosi o fangosi, di rado su fondali duri.

 Brevemente periodo e mesi migliori per la pesca alla mennola.

Si pesca durante tutto l’anno senza sensibili differenze in base alle stagioni.

Nome dialettale in breve della mennola.

  • In Calabria e conosciuto come menola
  • Inoltre in Sicilia e conosciuto come Minnula o Ciaula