Ombrina

Ombrina, habitat, alimentazione, pesca ed esche.


L’ombrina (Umbrina cirrosa) è un pesce osseo marino della famiglia Sciaenidae.

Descrizione in sintesi delle ombrine.

Questa specie ha ventre piatto e dorso arcuato con sagoma allungata. Le pinne dorsali sono due, la prima più alta e triangolare, la seconda più lunga e quasi attaccata alla prima. La pinna anale è corta ed ha forma triangolare, ventrali e pettorali sono abbastanza sviluppate e la pinna caudale finisce tronca. La testa è massiccia, la bocca abbastanza piccola, con labbro superiore sporgente ed un caratteristico, corto barbiglio sotto il mento. La livrea è argentata con strie oblique ondulate di colore giallastro e azzurro alternato sul dorso e i fianchi. Le pinne sono giallastre scure o beige, con bordi scuri. Il bordo dell’opercolo branchiale è di colore nero. Può raggiungere eccezionalmente il peso di 12 kg per 1 m di lunghezza ma spesso si ferma a circa 5 kg di peso.

Brevemente l’habitat delle ombrine.

Comune nel mar Mediterraneo e nelle acque italiane, è presente anche nel mar Nero e nell’Oceano Atlantico orientale tra il golfo di Guascogna ed il Senegal. È penetrata nel mar Rosso attraverso il canale di Suez, è dunque tra le poche specie che hanno fatto il percorso inverso rispetto alla migrazione lessepsiana. Si tratta di un pesce legato ai fondi sabbiosi nei pressi delle spiagge. Si trova prevalentemente a basse o bassissime profondità e a breve distanza dalla riva. Essendo eurialino penetra frequentemente nelle foci dei fiumi e nelle lagune.

L’alimentazione in breve dell’ombrina.

Si ciba di invertebrati che cattura nella sabbia grufolando in piccoli gruppi. Le sue prede preferite sono crostacei, molluschi soprattutto cannolicchi e ricci.

I metodi di pesca e come pescare in mare l’ombrina.

Le ombrine insieme alle spigole saraghi e orate sono le prede più ambite che si possono catturare con questa tecnica. Sicuramente si hanno catture anche con mare calmo a beach ledgering ma sono rare le catture di grossi esemplari.

Brevemente l’esca migliore per l’ombrina.

sicuramente l’ombrina abbocca a gli ami innescati con gli anellidi ma esce più sostanziose come gamberi e cannolicchi sono da preferire

Dove pescare in sintesi l’ombrina.

Le spiagge migliori per pescare le ombrine sono quelle con degrado lento e prevalentemente sabbiose. La presenza di foci nelle vicinanze sicuramente regalano qualche possibilità in più della presenza dell’ombrina.

Periodo e mesi migliori in breve per la pesca l’ombrina.

Il periodo migliore per pescare le ombrine dalla spiaggia a surf casting o beach ledgering a fondo in generale è il periodo invernale.