Pastura e pasturazione

Pastura e pasturazione per la pesca delle carpe.


Utilizzare la giusta pastura e pasturare nel modo coretto è molto importante per la pesca delle carpe anche a carp fishing. La pastura deve riuscire ad attirare le carpe nella zona in cui peschiamo ma non le deve saziare in modo che rimangono in zona alla ricerca di cibo fino a quando non trovano le nostre esche. Per questo la pastura deve avere delle caratteristiche in modo che durante la pasturazione scenda lasciando una scia attirante per poi fermarsi sul fondo continuando a rilasciare l’aroma senza che la corrente la porta via. Infatti in base alla temperatura dell’acqua gli aromi si possono diffondere più o meno velocemente.

Ricetta pastura per carpe.

Brevemente con questa ricetta pastura per carpe possiamo realizzare la nostra pastura in modo molto economico è possiamo personalizzarla in base alle nostre esigenze e alla staggione.


Ingredienti per realizzare 1 Kg circa di pastura per carpe per la pesca in estiva a galla col galleggiante e a fondo a feeder.

In breve questo mix di ingredienti con queste proporzioni è ideale per pescare le carpe in laghetto e fiume a galla col galleggiante o feeder a fondo in periodo estivo.

Brevemente la lista ingredienti della ricetta pastura per la carpa:

  • 250 gr. Di pane.
  • 150 gr. Di cocco essiccato.
  • 100 gr. Di farina di arachidi.
  • 150 gr. Di biscotti secchi macinati.
  • 200 gr. Di semi di canapa macinati.
  • 150 gr. Di farina di mais.

ricetta pastura per carpe.

Possiamo mescolare tutti gli ingredienti e conservarli in un sacchetto ermetico per poi inumidirli con acqua la sera prima prima della pescata in modo che li troviamo ben amalgamati il giorno successivo. Bisogna aggiungere l acqua un pò alla volta e impastare fino ad ottenere la consistenza voluta. Sicuramente l’esca ideale da innescare sull’amo è il bigattino, Il mais e lombrichi.

Ingredienti per realizzare 1 Kg circa di pastura per carpe per la pesca in inverno a galla col galleggiante e a fondo a feeder.

In breve questo mix di ingredienti con queste proporzioni è ideale per pescare i cavedani a feeder in laghetto e fiume.

 Brevemente la lista ingredienti della ricetta pastura per la carpa:

  • 300 gr. Di pane.
  • 200 gr. di biscotti secchi macinati.
  • 150 gr. Di farina di canapa.
  • 150 Gr. di farina di arachidi.
  • 50 gr. di coriandolo in polvere.
  • 150 gr. di farina di mais.

Possiamo mescolare tutti gli ingredienti e conservarli in un sacchetto ermetico per poi inumidirli con acqua la sera prima prima della pescata in modo che li troviamo ben amalgamati il giorno successivo. Bisogna aggiungere l acqua un pò alla volta e impastare fino ad ottenere la consistenza voluta. Sicuramente l’esca ideale da innescare sull’amo è il bigattino, il lombrico e mais.

Pasturazione nel carpfishing.

La pasturazione nel carpfishing è molto importante anzi direi fondamentale per una ottima battuta. Sicuramente l ‘esca e la pastura fa la differenza, spesso si parla delle montature delle lenze   terminali trascurando appunto la fase di pasturazione. La pasturazione e l ‘esca molto probabilmente incide per 75% per la riuscita di una buona pescata. Detto questo cerchiamo di capire come farlo e con cosa.

Come pasturare per il carpfishing.

Bisogna pasturare tanto senza però esagerare in modo costante nei tempi e nelle quantità.  pasturare anche un paio di giorni prima dell’uscita di pesca, in questo modo arriveremo nel nostro luogo di pesca giá preparato. Come pasture possiamo usare

Le quantità della pasturazione nel carpfishing.

Per pasturare nei giorni prima prima di pescare si utilizzano almeno 1 o 2 kg al giorno per poi pasturare ogni mezzora durante la pesca con di 150-200 grammi di pastura se si pesca in lago o corsi d ‘acqua fermi. Le dosi se si pesca in fiume bisogna aumentare le dosi in proporzione alla corrente fino a raddoppiarle.

Le pasture e le caratteristiche di ogni tipologia di pastura per il carpfishing.

Possiamo pasturare utilizzando solo una tipologia o mescolando due o più pasture in base alle nostre esigenze e creare un mix in base alle loro caratteristiche.

Semi di canapa le caratteristiche di questa pastura.

Pastura e pasturazione per la pesca delle carpe

Le carpe sicuramente adorano i semi di canapa. l’odore riesce a propagarsi nell’acqua e loro lo trovano attraente quindi è una pastura da scegliere per attirare le carpe a distanza. Una piccola quantità di semi è più che sufficiente per pasturare a volte le troviamo nelle stesse boiles in mancanza possiamo aggiungerle al mix per pasturare.

Le boilies per la pasturazione nel carpfishing.

Le stesse che vengono messe all’amo, sono utilizzate con successo da un grandissimo numero di pescatori proprio come pastura. Possono essere sbriciolate e inserite  all’interno di un sacchetto idrosolubile in PVA  aggiunti alla oppure aggiunti alla miscela mix per pasturare anche intere. Le boilies intere possono essere lanciate con un’apposita fionda. Bisognerà scegliere il colore, ed il gusto in base alla stagione dell’anno.

Pellet per la pasturazione nel carpfishing.

Già dagli anni 50 il pellet è utilizzato nella pesca delle carpe. Come per le boilies in base alla stagione si deve scegliere il gusto e gli aromi. Il pellet può essere utilizzato da solo o aggiunto alle altre pasture. Come per le boiles si utilizza un sacchetto idrosolubile in PVA per lanciarle in acqua da sole o in mix.


Tiger nuts per la pasturazione nel carpfishing.

Aggiungere qualche tiger nuts è sempre utile per le proprie caratteristiche. Le tiger nuts vengono mangiate ed espulse più volte in questo modo le carpe rimangono in zona.

Mais per pasturazione nel carpfishing.

Sicuramente il mais intero, in grani o sfarinato è la pastura per eccellenza nei laghi. Il colore, il sapore e la consistenza rende il mais davvero molto attraente per le carpe.

Come pasturare in canale per pescare le carpe.

Sicuramente bisogna conoscere come pasturare in canale, bisogna sapere che un ambiente naturale e vergine e ben diverso rispetto ai carpodromi e laghi battuti.

Come pasturare nei canali e canaloni di bonifica e irrigazione per il carp fishing.

Nel carp fishing possiamo pasturare al momento della sessione di esca e nei giorni precedenti alla pescata. Sicuramente per pescare nei canaloni, in acque vergini la scelta migliore è la pasturazione preventiva iniziando anche due settimane prima. Questa tecnica di pasturazione da la possibilità di abituare le carpe alle nostre esche. La pasturazione preventiva va eseguita a giorni alterni, iniziando 10-14 giorni precedenti alla pescata.

Come pasturare in canale per le carpe

Pasturando con circa 1 kg di boiles e mezzo kg di granaglie o pastura evitando di pasturare il giorno prima della pescata. Il giorno che si pesca si utilizzano le stessa boiles o granaglie della pastura per l’innesco. Anche il giorno che si pesca si pastura ma utilizzando un quantitativo minore e suddiviso lungo l’arco della pescata.Bisogna pasturare sempre alla stessa ora, che deve essere poco precedente a quella dell’azione di pesca. In questo modo le carpe sono abituate a trovare del cibo in quelle ore e sono meno sospettose. Generalmente se si decide di pescare in giornata si pastura lo spot la mattina presto mentre se si fa una sessione notturna si pastura poco prima dell’imbrunire.

La sessione di pesca nei canali e canaloni di bonifica e irrigazione per le carpe.

In molti credono erroneamente che pescare con boiles maggiormente aromatizzate sia una marcia in più, al contrario le carpe possono diventare sospettose difronte a boiles dal gusto troppo forte. Come detto in precedenza la pasturazione non avviene solo con boiles e di conseguenza anche gli inneschi non dovranno essere solo a base di boiles. Le classiche granaglie utilizzate per la pasturazione come mais, bacche d’acero, ceci e tiger nut possono essere innescate con successo.

Sicuramente le esche calate in acqua devono essere in base alla risposta del pescato, le granaglie sono poco selettive e in presenza di minutaglia ed è possibile dover pescare esclusivamente con le boiles. Anche se è indispensabile pescare con le stesse boiles utilizzate per la pasturazione si possono utilizzare boiles di dimensioni diverse ma realizzate con la stessa formula.

Gli oli essenziali per il carp fishing per dare il giusto gusto amato alle pasture.

Gli oli essenziali per il carp fishing non si distinguono solo per essenza ma anche per i solventi utilizzati. Nonostante sono chiamati oli essenziali non tutti gli aromi sono estratti e diluiti nell’olio.  In commercio infatti troviamo le essenze nell’olio, nell’alcool etilico e glicole propilenico. Bisogna sapere che le carpe non distinguono i diversi profumi ma avverte i gusti e i cambiamento di pH nell’acqua dovuti al solvente ed aroma.

Quale solvente utilizzare in base al periodo per gli aromi da utilizzare nel carp fishing e quali sono le caratteristiche.

Gli aromi disciolti nell’etanolo sono utilizzati con temperature dell’acqua basse. Ottimo come solvente per gli aromi in Inverno e per le pescate veloci, La dispersione degli aromi con questo solvente avviene velocemente e in tutte le direzioni.

Gli aromi disciolti nel glicole propilenico come per l’etanolo la dispersione avviene in tutte le direzioni ma con una velocità inferiore rispetto al precedente. Adatto per diluire gli aromi per la pesca delle carpe durante ttu l’anno e sopratutto le stagioni temperate.

Gli aromi disciolti nell’olio la cui dispersione avviene lentamente e verso l’alto, sono da preferire il periodo estivo con temperature dell’acqua molto alte.

Sicuramente nei mix si possono utilizzare diversi aromi e diluiti in diversi solventi in modo da fruttare le diverse caratteristiche. Per esempio possiamo aggiungere  al mix del geranio disciolta nell’etanolo e sempre del geranio nell’olio, in modo che le boiles rilasciamo velocemente l’aroma e poi lentamente.

Gli oli essenziali per il carp fishing

I principali oli essenziali delle spezie per carp fishing utilizzati per la pesca delle carpe.

  • Black Pepper. Dal sapore pungente lo si può abbinare a qualsiasi altro aroma ideale per aromatizzare ceci e semi di canapa.
  • Noce Moscata. Aroma delicato risulta essere molto gradito alle carpe sopratutto in estate.
  • Aglio. Sicuramente persistente e da impiegarsi con molta attenzione pochissime gocce possono aromatizzare anche un kg di mix.
  • Geranio. Essenza dal tipico odore floreale e fruttato allo stesso tempo, ottimo per aromatizzare il mais.
  • Bergamotto. Non essendo molto intenso può essere aumentato il suo dosaggio, si sposa bene con aromi prevalentemente fruttati.
  • Cannella. Essenza che risulta essere molto persistente, storico aroma del carpfishing. Ottimo il suo abbinamento con aromi fruttati ed impasti dolci.