Pesca allo storione nei laghetti

la pesca allo storione nei laghetti sportivi negli ultimi tempi sta diventando sempre più praticata per la sportività e il divertimento che offre questo preistorico pesce. Per dare la possibilità ai pescatori sportivi di confrontarsi con numerose specie ittiche sono stati immessi in diversi laghetti pesci che difficilmente in natura si trovano.

Come è noto a molti esistono diversi laghetti dedicati alla pesca di amur, pesci gatto, piranha africani, trote iridee e anche gli storioni.

Conosciamo lo storione.

Lo storione per la sua forma particolare è facilmente riconoscibile. Lo storione presenta una forma allungata e leggermente schiacciata sul dorso. La testa dello storione è ricoperta da uno strato osseo e il muso è allungato e affusolato. La bocca dello storione è posizionata nella parte sottostante del muso, dove spuntano i bardigli che sono di piccole dimensioni.

La pinna dorsale invece è spostata verso la coda, anteriormente possiede due pinne laterali nella fascia inferiore vicino alla testa.  Lo storione è uno delle specie più grandi che possiamo trovare in acque dolci in  Europa per questo è uno dei pesci più ambiti dai pescatori sportivi di acque interne.

Gli storioni di sesso femminile possono arrivare a superare i 5 metri con un peso che può superare i 300 chili, mentre il maschio raggiunge al massimo i 2 metri. I storioni si nutrono di invertebrati, molluschi, crostacei, pesci vivi che morti.

Come pescare gli storioni nei laghetti.

La pesca dello storione può essere eseguita sia col galleggiante che a fondo. Lo storione è un pesce che si muove sul fondo per questo le nostre esche dovranno raggiungere il fondo anche se si pesca col galleggiante.

Le migliori esche per pescare lo storione.

le esche per lo storione dovranno suscitare interesse e stimolare il senso olfattivo del pesce. Per questo sopratutto per gli esemplari più grossi sono ideali esche come la sarda e il formaggino. Anche esche vive che si muovo possono stimolare l’interesse degli storioni, come i lombrichi innescati a ciuffo.

Montature travi finali e terminali per pesca allo storione.

Come detto in precedenza per la pesca dello storione le tecniche che vanno per la maggiore e la pesca col galleggiante e la pesca a fondo. In entrambe i casi la montatura è molto semplice l’importante e che portiamo l’esca sul fondo. In entrambe i casi che si pesca a fondo o col galleggiante lo storione il terminale o finale ideale è lungo 30-50 cm del 0,30-035. La misura dell’amo per pescare lo storione dipende molto dall’esca e dalle dimensioni dei storioni presenti e può variare dal 4 al 0/2. Inutile dire che canna e mulinello devono essere robusti è affidabili , una volta in canna lo storione regala emozionanti combattimenti.