Pescare con esche alternative

Pescare con esche alternative come frattaglie fegato formaggio e wurstel.


Pescare con esche alternative come le frattaglie o il pollo sembra strano ma sono esche che in passato erano la normalità utilizzarle per la pesca sia in mare che in acque dolci.

pescare con le frattaglie.

In pochi hanno sentito parlare che è possibile pescare con le frattaglie come esca e sicuramente pochi di questi poi hanno provato ad utilizzarlo.  Il fegato, polmone, rognone, chiaramente  comprati in macelleria possono essere di bue o maiale. Si trovano facilmente in macelleria a un prezzo basso. Tra le frattaglie troviamo anche la trippa lingua e altre parti non ideali per la pesca. Il consumo prevalente di frattaglie per uso alimentare riguarda quelle di bovino. Infatti sono questi che possiamo trovare facilmente in commercio. Anche le frattaglie di agnello e suino possono essere utilizzati per la pesca.

pescare con le frattaglie

pescare con le frattaglie in mare e cosa si pesca in mare con le frattaglie.

Sicuramente le caratteristiche delle esche che invogliano i pesci ad attaccarle sono visive e olfattive. le frattaglie col la ricchezza di sangue e odori punta su questo per attrarre i pesci. Il fegato come i reni hanno una consistenza molliccia piena di fibre che facilmente possono essere tagliato a cubetti o strisce. Sicuramente durante una bella mareggiate in acque poco limpide i saraghi possono essere attratti dalla scia di sangue e odori di queste frattaglie. Altri pesci onnivori come i pesci balestra o pesci famelici come i pesci serra sicuramente attaccheranno bocconi preparati con il fegato.

Il fegato e reni soprattutto sono utilizzati come esca con successo da molti lungo le coste italiane da molto tempo. Non è difficile trovare qualche anziano che li usa con successo da anni. Infatti in molti le utilizzano da prima che le esche erano vendute nei negozi di pesca. Fatti a cubetti è ideale per la pesca dei pesci pettini dalla barca. Alcuni affermano addirittura di aver pescato a fondo belle mormore ed orate.

Cosa si pesca in acqua dolce con le frattaglie.

Il fegato polmoni reni cervello trippa sicuramente sono utilizzati nella pesca dei pesci gatto. In ambiente naturale le frattaglie sono una buona alternativa alle classiche esche quando non funzionano. Pescando a galleggiante o a fondo è micidiale per le trote è il fegato. Siluri e anguille sembrano ghiotti di fegato e reni.

Bisogna fare attenzione che la pesca con le frattaglie è vietata in alcuni spot.

 

Come pescare con il pollo in mare, cosa si pesca col pollo in mare a fondo e col galleggiante.

 

In molti credo hanno sentito parlare di pescare con il pollo in mare, utilizzare proprio il pollo come esca. Pensando erroneamente che sia una leggenda nata in una di   quelle giornate dove i Come pescare con il pollo in marepesci sono cosi famelici che attaccano qualunque esca. Invece il pollo può essere una valida alternativa alle classiche esche vermi, molluschi, pasture, etc, etc. In molti paesi che si affacciano sul mediterraneo il pollo come esca è utilizzato da tempo per la pesca a fondo e col galleggiante.

In particolare in Francia e in Turchia da tempo il pollo è utilizzato come esche, con un uso molto flessibile. Infatti Il pollo è utilizzato ed innescato nella pesca a surf casting, nella pesca con a bolognese, inglese e canna fissa.


Come pescare con il pollo in mare.

Sicuramente è possibile utilizzare qualunque parte delle carni del pollo, ma per comodità si utilizza il petto. Col petto di pollo è facile tagliare delle striscioline da innescare sull’amo. Si utilizza ovviamente il petto di pollo crudo comprato direttamente affettato. Il petto di pollo come esca è piuttosto economico basti pensare che con una fettina da un euro si riesce ad innescare un amo del 14 per l’inglese 30-40 volte. Può essere utilizzato anche per la pesca a surf casting ma bisogna rafforzare l’innesco con del filo elastico.

Perché il petto di pollo funziona come esca per pescare in mare.

Il petto di pollo o in generale la carne del pollo crudo in acqua salata dopo qualche minuto diventa bianchissimo quasi fluorescente. Proprio questa reazione con il sale fa diventare il pollo simile a un pezzettino di calamaro che attira i pesci.

Cosa si pesca col petto di pollo in mare.

Sicuramente sono molte e diverse le prede che si possono pescare con il petto di pollo come cefali, saraghi ,occhiate, orate e pesci serra.

Pescare con esche alternative il fegato.

In pochi hanno sentito parlare di pescare con esche alternative come il fegato come esca e sicuramente pochi di questi poi hanno provato ad utilizzarlo.  Il fegato chiaramente comprato in macelleria può  essere di bue maiale o pollame. Si trova facilmente dal macellaio a un prezzo economico cosa che non guasta.  Il fegato è classificati tra le frattaglie. Il consumo prevalente di fegato per uso alimentare riguarda il fegato bovino, seguono quello suino e quello di pollo. Infatti sono questi che possiamo trovare facilmente in commercio.

Anche il fegato di agnello e quello di coniglio possono essere utilizzati per la pesca.

pescare con il fegato.

pescare con il fegato in mare e cosa si pesca in mare con il fegato.

Sicuramente le caratteristiche delle esche che invogliano i pesci ad attaccarle sono visive e olfattive. Il fegato col suo colore e la ricchezza di sangue punta su entrambe i poteri attrattivi. Il fegato ha una consistenza molliccia piena di fibre che facilmente può essere tagliato a cubetti o strisce. Sicuramente durante una bella mareggiate in acque poco limpide i saraghi possono essere atratti dalla scia di sangue e odori del fegato. Altri pesci onnivori come i pesci balestra o pesci famelici come i pesci serra sicuramente attaccheranno bocconi preparati con il fegato.

Il fegato è utilizzato come esca con successo da molti lungo le coste italiane da molto tempo. Non è difficile trovare qualche anziano che lo usa con successo da anni. Infatti in molti lo utilizzano da prima che le esche erano vendute nei negozi di pesca. Fatto a cubetti è ideale per la pesca dei pesci pettini dalla barca. Alcuni affermano addirittura di aver pescato a fondo belle mormore ed orate.

Cosa si pesca in acqua dolce con il fegato.

Il fegato sicuramente è utilizzato nella pesca dei pesci gatto. In ambiente naturale il fegato è una buona alternativa alle classiche esche quando non funzionano. Pescando a galleggiante o a fondo è micidiale per le trote. Siluri e anguille infine sembrano ghiotti di fegato.

Bisogna fare attenzione che la pesca con il fegato o frattaglie è vietata in alcuni spot.

Pescare con il formaggio.

Non è strano pescare con esche alternative come il formaggio a cubetti, basta pesare che il formaggio spesso è un componente di molte pasture per la pesca in mare. In molti lo considerano quasi esclusivamente come  additivo da aggiungere nelle pasture fatte in casa o presente in quelle in commercio. Molti pescatori ignorano le possibilità di utilizzarlo direttamente come esca, innescato a cubetti direttamente sull’amo.

pescare col formaggio 

Quale marca e tipo di formaggio usare per pescare con esche alternative per la pesca.

Non è difficile intuire che non tutti i formaggi sono adatti per essere innescati a cubetti sull’amo. Tra questi sicuramente non tutti sono attiranti e catturanti. Il pecorino, gorgonzola, grana e parmigiano che sono ottimi per essere aggiunti nelle pasture non sono adatti per consistenza ad essere innescati sugli ami. Sicuramente bisogna scegliere formaggi morbidi che sono i più catturanti ma possono essere innescati per la pesca col galleggiante. Formaggi mediamente stagionati o meno morbidi possono essere utilizzati per la pesca a fondo.


Quali formaggi e tipo di formaggio morbido da innescare a cubetti per la pesca a bolognese inglese e canna fissa.

Come detto in precedenza i formaggi morbidi sono più validi per la pesca col galleggiante, vista la poco tenuta all’amo in fase di lancio e durante il lancio. Possiamo usarli quelli estremamente  morbidi  come il formaggino o il stracchino con la canna fissa. Questi formaggi sono ideali per la pesca al cefalo e delle salpe. Lavorati con le mani questi formaggi possono essere innescati su ami piccoli della misura del 16-20. Come facilmente intuibile bisogna pescare con attrezzature molto leggere con galleggianti da 0,5-1,5 grammi e lenze dal 0,10 al 0,14 possibilmente in fluorocarbon.

Mentre emmenthal e formaggi simili sono adatti per la pescando con la bolognese e inglese, bisogna tagliarli a piccoli dadini in modo da coprire perfettamente l’amo. In questo caso, alziamo il diametro del filo dal 0,14-0,18 sempre in fluorocarbon  con ami della misura dal 18-14. Utilizzando questa tecnica e questo formaggio possiamo andare alla ricerca di bei saraghi e occhiate.

Anche per la pesca a fondo si può utilizzare il formaggio a cubetti innescato direttamente sugli ami. Utilizzando il classico genovese o piombo scorrevole da 30-50 grammi con terminali da 0,18-0,22 e ami della misura dal 14-10. Innescando formaggi tipo gruviera per coprire l’intero amo possiamo pescare saraghi ed orate.

Pescare con i wurstel.

In pochi hanno sentito parlare che è possibile pescare con i wurstel come esca e sicuramente pochi di questi poi hanno provato ad utilizzarlo.  Il wurstel  chiamato erroneamente in Italia anche  “salsiccia è una specie di insaccato preparato con carni tritate. Si utilizzano carni poco pregiate di bovine, avicole, suine e di pollo. Tipico insaccato della Germania, dell’Austria e del Belgio, si consuma abbondantemente anche in tutta Europa compresa l’Italia.

pescare con i wurstel.

La carne è sottoposta a una minuta macinazione insieme a grasso di maiale, aromi, additivi e a un’alta percentuale di acqua, insaccata e poi cotta in forni a vapore. Spesso come involucro è utilizzato un budello artificiale. Le dimensioni sono standardizzate, i grossi sono 15 cm di lunghezza per 3 di diametro mentre i piccoli circa 10 cm per 1,5 cm di diametro.

Pescare con esche alternative i wurstel in mare e cosa si pesca in mare con i wurstel.

Sicuramente le caratteristiche delle esche che invogliano i pesci ad attaccarle sono visive e olfattive. Molte pasture vengono realizzate con ingredienti che non si trovano in natura in mare ma riescono ad attirare i pesci e allora perché non devono funzionare i wurstel. I wurstel sono molto simili a grossi bibi ed è molto facile che un pesce li scambia per uno di loro. Sicuramente durante una bella mareggiate in acque poco limpide i saraghi e le spigole possono confondere appunto i wurstel per dei bibi. Altri pesci onnivori come i pesci balestra o pesci famelici come i pesci serra sicuramente attaccheranno bocconi preparati con i wurstel.

I wurstel sono utilizzati come esca con successo da molti lungo le coste tirrenica per la pesca dei pesci pettini dalla barca. Alcuni affermano addirittura di aver pescato a fondo belle mormore ed orate.

Cosa si pesca in acqua dolce con i wurstel.

I wurstel tagliati a cubetti spesso vengono dati con successo come esca in alcuni laghetti a pagamento per pescare le trote. In ambiente naturale i wurstel possono essere una buona alternativa alle classiche esche quando non funzionano.   Pescando a galleggiante cavedani e barbi abboccano facilmente ai cubetti di wurstel. Pesci gatto, siluri e anguille infine sembrano ghiotti di wurstel.


Pescare con la carne in scatola in acqua dolce.

In molto non sanno che è possibile pescare con con esche alternative come la carne in scatola. La pesca con la carne in laghetto sembra una tecnica nuova importata dall’Inghilterra patria delle  innovazioni ma non è così. Infatti l’uso di innescare carne o frattaglie animali fa parte delle nostre tradizioni di pesca molti vecchi pescatori insidiano ancora oggi cavedani e barbi con  le budelline di pollo a fondo nel Pò come un tempo. Innescare la carne è micidiali nel periodo autunnale e invernale regalavano catture da record. Molto utilizzato anche erano il fegato la milza utilizzati per insidiare cavedani anguille bottatrice nei grandi laghi del nord Italia.

A volte capitava di allamare delle grosse carpe mentre i pesci gatto non resistono sicuramente a un boccone di carne.

I pescatori oltre manica  hanno notato che le grosse carpe sono alla ricerca di proteine. Dopo aver provato a innescare con successo bocconcini di carpe per cani e gatti, prosciutto cotto a cubetti e wurstel in molti hanno iniziato ad utilizzare queste esche anche per pasturare.  L uso eccessivo però a portato a un inquinamento di natura organica nei laghetti sportivi inglesi tanto da portare molti proprietari di laghetti a vietare l’uso della carne.

Comunque la si può usare ancora in molti laghi oltre manica e in italia ,anche in gara , molti produttori di esche hanno cominciato a produrre  carne in scatola specifica per la pesca,aromatizzata e colorata ma possiamo utilizzare con successo quella che si trova sugli scaffali dei supermercati.

Pescare con esche alternative con la carne in scatola cosa si pesca in mare.

In mare la pesca con la carne è ancor meno conosciuta che in acque interna. La carne in scatola non è molto valida per il lancio ma è molto valida per pescare dalla barca. Sicuramente i pesci pettini insieme ai pesci balestra e tracine non resistono alla carne in scatola. Dal porto, scogliere e moli può essere utilizzata per pescare col galleggiante all’inglese e bolognese a spigole, occhiate e saraghi.

Pescare con esche alternative come la carne in scatola quale marche e quale tecnica da utilizzare.

Tutte le carni in scatola vanno bene (Tulip, Montana e Argentina) per questo possiamo prendere quelle che troviamo in offerta al momento dell’acquisto. Come tecnica di pesca la carne si può utilizzare sia a Feeder, fondoe a roubasienne.   Per la carpa si consiglia di mischiare i cubetti di carne insieme a canapa e del mais, caster , prima di pasturare. La lenza è molto semplice,va bene la solita che si usa anche per pescare con il mais ma lenza è finale di diametro generoso, visto la taglia delle carpe che amano la carne. I galleggianti vanno bene i soliti da laghetto l’importante è che siano robusti .

Con il Feeder invece si consiglia di abbinare la carne con il pellet.

Come trattare la carne in scatola per pescare.

La carne in scatola una volta estratta dalla scatola la dobbiamo tagliare a cubetti delle dimensioni volute piccoli inneschi si possono realizzare con cubetti di 1 cm circa per lato. In commercio esistono degli accessori da cucina che ci possono aiutare nell’operazione, ma possiamo realizzare i cubetti anche con un semplice coltello.