Pescare le grosse trote o trote giganti nei laghetti sportivi

grosse trote

Come pescare le grosse trote o trote giganti nei laghetti sportivi.

Nei laghetti sportivi spesso sono presenti grosse trote queste sono più sospettose che raggiungono e superano anche i 3 4 kg. Queste trote a volte sono immesse già grande dal gestore del laghetto per rendere più interessante il lago e pubblicizzarlo con le foto della loro cattura. Tra queste a volte ci sono le trote di taglia tradizionale 200 400 gr che sono più sospettose e riescono e non essere catturate. Queste trote una volta raggiunte dimensioni interessanti sono difficili da portare nel guadino con attrezzature leggere e per questo dopo ogni fugga diventano sempre più esperte e continuano a crescere.

Brevemente le abitudini delle grosse trote per sapere come pescarle.

Bisogna sapere che le trote grosse preferiscono rimanere il solitudine quindi bisogna andarle a cercare lontano dai branchi di trote più piccole. Spesso nei laghi più piccoli le troviamo nelle vicinanza dei tubi di immissioni di acqua e alimentazione. Mentre nei laghetti più grandi troviamo le grosse giganti nelle buche più profonde al centro del lago.

In breve periodo migliore per pescare le grosse trote o trote giganti.

Anche se si contano catture occasionali durante tutto l’anno. Solitamente il periodo migliore per pescare queste trote nei laghetti sportivi sono dalla meta di gennaio per tutto il mese di febbraio e fino alla prima decade di marzo.

Brevemente montature terminali e ami per pescare le grosse giganti.

A differenza delle piccole trote queste vengono maggiormente ingannate con esche ferme a 40-100 cm dal fondo. Per presentare l esca al meglio e farla alzare dal fondo si utilizzano delle palline di polistirolo o schiuma pop up di colore bianco giallo o rosso. Le grosse giganti sono sospettose e per questo richiedono alcuni accorgimenti sul finale, non bisogna mai salire sopra il 0,18 possibilmente il fluoro carbon.

In breve l’esca migliore per pescare le trote giganti.

Il lombrico è ideale come esca per questa tecnica. In particolari giornate ventose bisogna invogliare le abboccate con una trainetta lenta con diverse soste di qualche minuto. In alternata sono valide anche le paste galleggianti che si trovano in commercio.