Suro

Suro in sintesi descrizione, habitat, alimentazione, pesca ed esche.


Il suro (Trachurus trachurus)  o “spicaluru” è un pesce d’acqua marina della famiglia dei Carangidae.

Descrizione in sintesi del suro.

testa e bocca del suro
testa e bocca del suro

Presenta una linea laterale accessoria estesa lungo quasi tutto il dorso, che è verde con vivaci iridescenze. Inoltre la linea laterale è dotata di scutelli molto larghi, i fianchi sono argentei e ha una macchia nera sulla parte postero-superiore dell’opercolo. Infine le pinne dorsali sono grigie, quella anale e le ventrali biancastre, le pettorali e le ventrali grigio-verdognolo. È lungo normalmente circa 30 cm, ma alcuni esemplari raggiungono i 40 cm.


Brevemente distribuzione e habitat del suro.

Si trova nell’Oceano Atlantico nord-orientale dall’Islanda al Senegal, comprese le isole del Capo Verde, nel Mar Mediterraneo e raramente nel Mar Nero.
Esistono due popolazioni principali: quella occidentale che vive al largo dell’Europa occidentale ma anche la popolazione settentrionale che vive nel Mare del Nord.

Alimentazione in breve del suro.

Si ciba di piccoli pesci, sicuramente prevalentemente di sardine e acciughe.

I metodi di pesca e come pescare in mare  il suro.

Per la pesca al suro si possono utilizzare diverse tecniche spinning, beach ledgering, bombarda, bolognese e pesca all’inglese. Sarà opportuno tenere bene presente lo stato della mare, quando c’è il mare non eccessivamente mosso, il sugarello è presente, oltre che in mare aperto, nei pressi delle coste rocciose, delle scogliere di porto e dei frangiflutti, cosi che sarà questo il momento più indicato per tentare di catturarla da terra o da riva in generale. Il periodo migliore è quello primaverile quando i sauri si avvicinano a riva alla ricerca del novellame mentre le ore migliori sono del’alba e tramonto,anche se non è difficile avere distanti a noi branchi durante le ore notturne. Le tecniche migliori sono il beach ledgering,spinning, bolognese,inglese e bombarda. 


Brevemente l’esca e l’artificiale migliore per il suro.

Le migliori esche artificiali per la pesca a questo pesce sono le filose e Piccoli popper  e minnows da 5 cm mentre ta quelle naturali si trovano il bigattino, il coreano e l’arenicola.

Dove pescare in sintesi il suro.

Gli spot migliori sono le spiagge profonde e anche le imboccature dei porti.

 Brevemente periodo e mesi migliori per la pesca al suro.

L’alba e il tramonto dei mesi estivi e durante la notte tutto l’anno..

Nome dialettale in breve del suro.

  • In Liguria e conosciuto come Suc, Cagnec, So, Soello, Sorello, Su.
  • Nel Veneto e conosciuto come Surro, Sarou, Surèlo.
  •  A Venezia  e conosciuto come, Surèlo, Contarini.
  • In Toscana e conosciuto come, Sugarello, Sugherello, Pesce cavallo.
  • Nelle Marche e conosciuto come Sovre,, Sciuro, Sugherello.
  • Nel Lazio  e conosciuto come Sugarello, Squamuto.
  • In Campania e conosciuto come Saurièllo, Savarièllo, Sauro, Savaro, Sula, Sulo.
  • nelle Puglie  e conosciuto come Fràule, Sàuro, Tràule, Traulicchie, Suvaro, Laciertu, Spicaluru.
  • In Calabria  e conosciuto come Saurigghiàni, Sauru verace.
  • Inoltre in Puglie e conosciuto come Saurigghiàni, Sauru verace.
  • In Sicilia e conosciuto come Pisci sauru, Sauru, Sauri, Sareddu, Saurieddu.
  • Infine in Sardegna e conosciuto come Sauru, Sauru lisciu, Savaru, Surellu.