Verdesca

Verdesca in sintesi descrizione, habitat, alimentazione, pesca ed esche.

La verdesca o squalo azzurro (Prionace glauca) è uno squalo appartenente alla famiglia Carcharhinidae.

Descrizione in sintesi della verdesca.

Ha corpo affusolato e slanciato, con capo schiacciato dorso ventralmente. Il muso è lungo e conico. Le fessure branchiali sono cinque e piccole; presenti delle sporgenze papillose branchiali. Le narici sono situate ad una distanza intermedia tra la bocca e l’apice del muso. Gli occhi, relativamente grandi, sono provvisti della membrana nittitante. Non esistono spiracoli.
La bocca, molto arcuata, possiede 14 denti su ogni lato della mascella superiore, talvolta con qualche altro dentino al centro e da 13 a 15 in quella inferiore con altri più piccoli al centro (da 1 a 4).

bocca e testa della verdesca
bocca e testa della verdesca

I denti superiori sono triangolari con i lati curvi e con i bordi seghettati e sono lievemente più larghi che lunghi, mentre quelli inferiori sono più dritti e più sottili.
Ha due pinne dorsali.

La prima, inserita alquanto indietro rispetto alle pettorali, è triangolare e non molto grande, con apici curvi; il margine posteriore è incavato (quasi inciso) e l’apice posteriore è appuntito; il margine libero inferiore non è molto esteso. La seconda dorsale è piccola, opposta e similare all’anale. Questa ha il margine posteriore profondamente infossato. Non vi è cresta interdorsale. Le pettorali sono grandi, falciformi, sottili e con apici incurvati. La caudale ha il lobo superiore molto più sviluppato dell’inferiore e terminante a punta. Le ventrali sono piccole, mentre le pettorali sono lunghe e falciformi. Non esiste chiglia laterale lungo il peduncolo caudale, mentre si notano delle fossette sia superiormente che inferiormente all’attaccatura della coda.In vita è di colore bleu indaco, scuro sul dorso che schiarisce sui fianchi e diventa bianco-neve sul ventre. Dopo morto il colore azzurro sparisce e si trasforma in grigio ardesia o grigio fumo.

Attacchi della verdesca o squalo azzurro all’uomo.

Dal 1580 al 2013 sono stati registrati solamente 13 attacchi all’uomo da parte di questa specie, con 4 morti, tuttavia molti attacchi (specie quelli che avvenivano un tempo a carico dei naufraghi) possono non essere stati registrati adeguatamente o confusi con altre specie.

Brevemente distribuzione e habitat della verdesca.

La verdesca è uno squalo oceanico ed epipelagico che si trova in tutto il mondo in acque temperate e tropicali dalla superficie fino a profondità di 350 metri. Nei mari temperati si avvicinano alla costa dove possono essere osservati dai subacquei, mentre in acque tropicali abitano acque profonde. L’areale si estende a nord sino alla Norvegia e a sud sino al Cile. Li troviamo quindi al largo di tutti i continenti, esclusa l’Antartide. Nell’Oceano Pacifico la maggior parte abita la fascia compresa tra il ventesimo ed il cinquantesimo parallelo Nord, anche se ci sono degli spostamenti stagionali. Nella fascia tropicale sono diffusi uniformemente tra il ventesimo parallelo nord ed il ventesimo parallelo sud.

Prediligono acque a temperature comprese tra 7 e 16 °C, ma sopportano anche temperature superiori ai 21. Le osservazioni nell’Atlantico hanno individuato cicli migratori in senso orario che seguono le correnti principali. Era abbastanza comune nel Mar Mediterraneo, soprattutto in Adriatico, ma sempre molto al largo, mentre oggi il loro numero è in diminuzione.

Alimentazione in breve della verdesca.

I calamari sono una preda importante per le verdesche, ma la loro dieta include anche seppie e polpi pelagici, nonché aragoste, gamberi, granchi, un gran numero di pesci ossei, squali più piccoli, carcasse di mammiferi marini ed occasionalmente anche uccelli marini.

I metodi di pesca e come pescare in mare  la verdesca.

Nonostante la carne è commestibile, ma particolarmente pregiata non viene particolarmente ricercato anche se hai pescatori sportivi una volta allarmato regala emozionanti combattimenti sopratutto se si utilizzano attrezzature leggere.

Brevemente l’esca e l’artificiale migliore per .

Sicuramente durante la traina o drifting pesci vivi o morti insieme ai cefalopodi sono esche molto gradite a questo squalo.

Dove pescare in sintesi la verdesca.

Vive a grandi distanze dalle coste e i suoi spostamenti sono influenzati anche dalla temperatura delle acque. Di notte si avvicina alle coste ma raramente e a portata dei pescatori sportivi da riva.

 Brevemente periodo e mesi migliori per la pesca della verdesca.

Nei mesi estivi e autunnali è più facile da trovarlo vicino costa.

Nome dialettale in breve della verdesca.

  • In Liguria e conosciuto come Verdun Verdarolo.
  • Inoltre in  Sardegna e conosciuto come Verdoro Verdiscu.
  • A Venezia  e conosciuto come Can, Can turchin.
  • Nelle Marche e conosciuto come Canizza.
  • In Abruzzi e conosciuto come Verdesca, Smerije.
  • Nel Lazio e conosciuto come Canesca Verdarola Gialestru, Cialestru.
  • In Campania e conosciuto come Canesca Verdarola.
  • Nelle Puglie e conosciuto come Musiedde Celeste.
  • In Calabria e conosciuto come Virdeddru.
  • Innfine Sicilia e conosciuto come Virdeddu Virdiscu, Virdisca Calandruni o Cialandruni.

Commercio dello squalo azzurro.

Spesso questo squalo viene venduto a filetti e spacciato per pesci più pregiati addirittura anche come pesce spada.