Cosa si pesca a settembre  dalla barca con le diverse tecniche.

Anche se le condizioni meteo e le variazioni climatiche possono causare alcune variazioni sopratutto su alcune specie possiamo riassumere cosa si pesca a settembre dalla barca in:

Cosa si pesca brevemente a settembre con la traina col vivo.

Anche nel mese di settembre come per il mese di agosto il sotto costa è dominato dai pesci serra e le lecce amia. I pesci serra, con la ritrovata tranquillità e dopo che si sono nutriti un pò più a largo accostano  quelli più grossi e si ha la concreta possibilità di imbatterci in qualche grosso esemplare. Sicuramente l’esca di stagione è l’aguglia da pescare sempre a traina con la matassina. In alternativa se non si riescono a recuperare le aguglie sono validi i sugarelli, lecce stelle e  cefali.

Alcuni anni verso la fine del mese con l’aguglia è possibile la cattura di lampughe che si sono avvicinate alla costa sopratutto se troviamo zone con ombra. Trainando a fondo col vivo si possono avere delle catture occasionali di ricciole e di dentici.

Brevemente cosa si pesca a settembre a vertical jigging.

Le lampughe sono ancora di modesta taglia, dentici e ricciole poco probabili ancora una volta Inchiku, kabura e live kab sono più di un’alternativa.

Brevemente cosa si pesca a settembre a traina con gli artificiali.

Anche questo mese come quello precedente all’alba e tramonto nel sotto costa è facile catturare i pesci serra trainando in superficie e appena al di sotto. Su fondali più importanti, su fondali da 20 a 60 metri possiamo incontrare le mangianze di palamite, sgombri, sugarelli e tombarelli. Per insidiare questi pesci bisogna trainare in superficie o a fondo utilizzando piombi a sgancio rapido.

In questo mese iniziano a farsi vedere le prime lampughe ed i tonnetti che occasionalmente accostano seguendo i branchi di sarde e alici.

spingendosi molto a largo per la traina d’altura è il periodo delle aguglie imperiali, lampughema, alalunga e tonni di branco.

Brevemente cosa si pesca a settembre a light drifting.

Le prede del light drifting  settembre sono simili a quelle del mese precedente. Con qualche presenza maggiore di lampughe insieme ai sgombri, sugarelli e tombarelli, spesso le lampughe si fermano proprio sotto la nostra barca.

Brevemente cosa si pesca a settembre a drifting.

Talvolta a settembre la pastura portano sulle nostre esche pesci spada e le lampughe. In genere, in questo periodo ci sono anche i tonni.

Non tutti gli anni sono uguali, la presenza di questi pesci come detto in precedenza la loro presenza dipende: Dalla temperatura dell’acqua, dalle correnti e soprattutto dalla presenza di pesce foraggio.

Brevemente cosa si pesca a settembre a spinning costiero dalla barca .

Le lecce amia presenti in foce attaccano più difficilmente gli artificiali ma sono probabili sopratutto durante le ore diurne. Durante le ore del tramonto e serali sempre in foce e appena ad di fuori dai porti i pesci serra sono in caccia e facilmente ingannati dai nostri artificiali. Inoltre le prime lampughe iniziano a farsi vive.

Brevemente cosa si pesca a settembre a spinning in mare aperto.

A settembre è possibile pescare oltre ai soliti palamite, sgombri, sugarelli e tombarelli anche le lampughe e gli alletterati, i lanzardi prede che insidieremo sulle mangianze.

Brevemente cosa si pesca a settembre a bolentino.

In questo periodo spesso la pesca dalla barca si sposta verso altre tecniche nonostante si possono fare belle e numerose catture di pesci balestra, pesci pettini, tracine ed orate. di notte si possono pescare anche con successo le mormore. A settembre i pagelli fragolini li iniziamo a trovare a fondali minori rispetto ai mesi precedenti.

Pescando a bolentino cosi si può pescare durante tutto l’anno.

Durante tutto l’anno pescando a bolentino può capitare sempre qualche bella sorpresa, gallinella, scorfani e con pò di fortuna anche qualche dentice e cernia.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.