peperoncino per mix delle boiles

Peperoncino per mix pasture e boiles per le carpe.

[the_ad_group id=”44269″]

Il peperoncino tra le spezie  è molto apprezzato e trova utilizzo sia nella produzione casalinga, sia nelle produzioni industriali di mix pasture e boilies. Il peperoncino appartiene alla famiglia [the_ad_group id=”44275″] delle solanacee genere capsicum, particolarmente ricca di alcaloidi. All’interno di questo genere, ritroviamo tutte le varietà di peperoncino che conosciamo. Quali ad esempio la paprika, il tabasco e il pepe di cayenna. Quest’ultimo è il più ricco di capsacina, l’alcaloide responsabile del gusto piccante.

I capsaicinoidi sono alcaloidi incredibilmente stabili che restano inalterati per lungo tempo, anche dopo disidratazione cottura e congelamento, e questo li rende ancora più interessanti. Altro grande cavallo di battaglia oltre a inconfondibile gusto molto piccante è ricco di vitamina C e K. Antisettico, favorisce la digestione e la circolazione sanguigna.

La dose consigliata del peperoncino quando e il periodo da aggiungere nei mix di pasture e boiles.

[the_ad_group id=”44270″]

[the_ad_group id=”44276″] Per quanto riguarda il nostro utilizzo questa spezia dal colore rosso scuro e classico odore e sapore piccante può essere un grande alleato ma al tempo stesso può creare repulsione se non dosato   adeguatamente. Oltre alle doti salutistiche descritte c’è da aggiungere che dosaggi medio bassi di questa spezia nei nostri mix spesso regalano grosse soddisfazioni in quanto risulta molto attrattiva grazie ai tanti carotenoidi e alla capsaicina che contiene.

Questa spezia è in grado di donare ai nostri mix sapori e odori unici che si possono prestare all’utilizzo in ogni tipologia di mix. Risulta particolarmente indicato in mix con farine di pesce e carne o in mix con tenori di grassi medio/alti. Può essere usato sia nei mix per boiles che nella preparazione di granaglie pasture. É consigliabile utilizzarne appena 5 o 10 gr per kg di mix, sufficienti per giovare delle sue proprietà, e donare alle esche quella nota piccante che piace anche alle carpe.

[the_ad_group id=”44274″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *